Paradiso

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

MareNuvole thumbMontura thumbRieccoci all'interno del circuito "Sci e luci nella notte"... Questa volta al passo del Maniva (lontanissimooooo!!!). Siamo Jacky ed io, Andrea e' all'ISPO. Tra le altre cose questa settimana non si gareggia di mercoledì ma di sabato. Si parte anche prima: 18.30. Arriviamo in orario perfetto, ci iscriviamo e iniziamo il riscaldamento. Questa volta vorrei provare a spingere forte. Un mio difetto è di non conoscere ancora bene i miei limiti. Non siamomoltissimi ed il percorso sembra davvero bello. Il panorama è magnifico, siamo sopra le nuvole e, partendo così presto, riusciamo a goderciiltramonto! Tutto pronto, si parte! Jacky prende il suo ritmo ed io cerco di stargli dietro. Per sorpassare devo andare dove la traccia non è battuta e fatico molto. Rientro e decido diaspettare il momento giusto per passare. Siamo partiti abbastanza avanzati rispetto al nostro solito... La prima salita è di 330mt D+, ho il fiatone ma non mollo. Da metà salita perdo di vista Jacky, pazienza... Capisco che non sono molto indietro perché non sono in gruppo, siamo in pochi e siamo distanziati quasi 10 metri gli uni dagli altri. Cerco di prendere quello che mi precede ma non riesco, mi avvicino e basta.

Arriviamo alcambio e lo lascio dietro. In discesa passo due persone e vengo passato da un solo atleta. Rischio di prendere sulle ginocchia i paletti che segnano il percorso perché alcuni hanno il segnalatore luminoso spento! I quadricipiti mi fanno male, non ho ancora recuperato dalla gara di domenica.... Arrivo al cambio e credo di passare almeno un paio di persone. Mi accodo ad un ragazzo che parte appena prima di me. Il percorso attraversa un boschetto in falsopiano, la traccia è in neve fresca e i bastoni affondano senza dare la possibilità di spingere con le braccia... tengo il ritmo fino a che non trovo un passaggio agevole tra le due tracce. Mi sposto e lo passo (ho un ritmo appena più veloce di lui, ma riesco comunque a lasciarlo dietro in poco tempo). Salgo spingendo bene, soffro molto meno rispetto alla prima salita. Riprendiamo a salire su traccia battuta larga e riprendo a spingere anche con le braccia. Vedo il rifugio e capisco che siamo circa a Tramonto thumbmetà salita (la seconda è di 440mt D+). Dietro di me sento che si avvicina qualcuno, vedo il fascio della sua frontale. Non voglio farmi passare ma, prima che me ne accorga, mi ha già affiancato. Ha un ritmo fortissimo, cerco di stargli dietro, stringo i denti ma quando raggiungiamo l'atleta che era davanti a me, decido di accodarmi e dilasciarlo andare, non voglio spomparmi troppo. Sul pianetto davanti al rifugio c'è molta gente che fa il tifo. Ne approfitto per fare un mini strint e passare il ragazzo che ho davanti. Come inizia la salita pago lo stprint ma non mollo nonostante il fiatone. Vedo a una cinquantina di metri un altro concorrente e cerco di andare a prenderlo. Il percorso dal rifugio in poi è lo stesso della prima salita, per cui so quanto manca e come sono le salite. Mi avvicino piano, ma mi avvicino. Dopo thumbRaggiunto il traverso verso la fine della salita, lo vedo ad una decina di metri che percorre il tornante e poi sparisce dietro la curva. Arrivo al tornante convinto che, una volta girato, me lo troverò davanti a pochi metri ed invece non lo vedo più. Ha aumentato anche lui il ritmo ed è già sull'ultima salitella prima dell'arrivo. Esco dalla stradina per entrare nella traccia dove inizia l'ultimo strappo e lo vedo a circa metà del pendio. Spingo forte, ormai manca poco... Mi avvicino ancora ma non riesco a raggiungerlo, la testa mi abbandona e comincio a convincermi che arrivare prima di lui non cambierebbe nulla, si tratterebbe solo di pochi secondi in meno e di una sola posizione... quando la testa molla, il fisico fa lo stesso. Rallento, tanto dietro sono lontani, non faccio in tempo a reagire, ormai siamo all'arrivo.... In ogni caso sono soddisfatto perché ho spinto forte e non sono saltatononostante ilperiodo di grande carico a cui sto sottoponendo il fisico. Il risultato non è male: 57esimo assoluto e 39esimo di categoria con il tempo di 53' 10".

Contento e soddisfatto!

Guarda il tracciato su Garmin Connect

Pano

Comments powered by CComment