Stampa
Categoria: Race Report
Visite: 1339
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

PrimaDelPastaParty2 thumbSi parte presto perché è sabato e perché nevica di brutto.... Destinazione: Colere. Decidiamo di fare il passo della Presolana... sarà il viaggio della speranza. Per fortuna prendiamo la macchina di Andrea, la mia ha dimostrato più volte di non valere nulla sulla neve. Inizia a nevicare forte Castione della Presolana ma la punto va che è una meraviglia. Anche quando la strada diventa davvero "brutta" e tutti si fermano a montare le catene, noi procediamo bene. Anche, e soprattutto, per merito della guida soft di Andrea! Arriviamo al parcheggio verso le 16.30, parcheggiamo e andiamo a fare l'iscrizione.

Torniamo alla macchina, porto lo zaino con i ricambi alla seggiovia e decidiamo di aspettare al caldo ancora una mezz'ora prima di iniziare a prepararci e riscaldarci. Verso le 17.30 siamo pronti ma non trovo il portafogli. Cerco disperatamente ovunque ma non lo trovo! Sto per convincermi di averlo messo nello zaino che ho fatto portare al rifugio (ma so che non è così) quando un ragazzo che si sta preparando vicino a noi mi dice che lo hanno trovato su un tavolo dove si fanno le iscrizioni.

UnAttimoPrimaDelVia thumbAlRifugioDopoLaGara2 thumb Corro a recuperarlo e mi rilasso un pochino; partire con l'ansia non sarebbe stato il massimo. Non resta molto tempo per riscaldarsi, mettiamo gli sci ai piedi (si, direttamente nel parcheggio! ci saranno 50cm di fresca!!) e ci avviamo verso la pista. Vedo Lisa Buzzoni e Andrea intravede Pietro Lanfranchi (che parteciperà alla gara!)... Ci saranno anche Fabio Bazzana e molti altri nomi importanti dello scialpinismo... Il livello è altissimo e, nonostante la neve, partiremo in circa 110!

Saliamo un pezzo per scaldarci e vediamo il muro che ci aspetta appena dopo essere partiti ma non ci scoraggiamo. La gara è impegnativa, una vertical di poco meno di 1100 metri di dislivello, bisognerà dosare bene le forze...

Ci accodiamo agli altri atleti ed aspettiamo il VIA!

Partenza come al solito confusionaria... un ragazzo perde una pelle, io ho gli sci nuovi e sono in agitazione perché è la prima volta che li provo. Da subito, però, mi trasmettono ottime sensazioni. Anche gli scarponi è la prima volta che li uso in gara dopo la modifica, e anche loro li sento bene! Arriviamo al muro e cerco di passare un po di persone, dopo sarà difficile superare. Il serpentone di atleti è già lungo, credo di essere circa a metà. Prendo subito il ritmo e non sono eccessivamente in affanno, bene! Lo sviluppo è di circa4km, penso di restare tranquillo fino ad un kilometro, poi aumenterò un po il passo. Così faccio... come il Garmin mi segnala il primo kilometro, accelero un pochino il passo. Non cambia molto perché per superare bisogna uscire dalla traccia e fare il doppio della fatica (nevica forte e gli sci sprofondano anche di 10cm!). Decido di adottare la tecnica che uso anche nelle fare di trail: esco dalla traccia, supero e poi mi accodo per recuperare. Ci provo e mi rendo subito conto di "aver fatto i conti senza l'oste"! Siamo tutti in fila indiana e, come già detto, il livello è alto... quando cerco di rientrare, dopo aver passato un paio di atleti, nessuno, ovviamente, mi dà spazio... risultato: devo stare per un bel po nella neve fresca facendo una fatica boia. Ad un certo punto non ce la faccio più e rientro di forza tagliando la strada a quello dietro di me. Gli atleti che ho passato non ci stanno e mi risuperano poco dopo. Per tutta la gara faremo così... passo io, poi mi ripassano, PrimaDelPastaParty thumbecc... verso la fine riesco a lasciarne dietro un paio ma la "battaglia" continua con un ragazzo.RientratiAllaMacchina thumb Quando ormai si vede l'arrivo fa uno scatto e passa me e altri due atleti, quello davanti a me (probabilmente l'allenatore del ragazzo davanti perché continua ad incitarlo) si sposta a sinistra tagliandomi fuori. A questo punto mi rassegno e resto dietro, sarebbe impossibile passare uscendo dalla pista. All'arrivo riprendo fiato, bevo un bicchiere di the ed entro al rifugio per cambiarmi al caldo. Infilo i pantavento, il piumino ed esco. Vedo Andrea che si sta preparando per la discesa, mi avvicino e, insieme, scendiamo al rifugio dove ci saranno le premiazioni ed il pasta party. La discesa è uno spettacolo, neve bellissima e sci nuovi fanno si che la stanchezza non si senta e disegno serpentine come se avessi iniziato adesso a sciare! Arriviamo al rifugio con le mani gelate! Ci cambiamo e mangiamo qualche pazzo di pizza, aspettiamo il pasta party e le premiazioni. Come al solito nelle estrazioni non vinciamo nulla! :(

Ci copriamo e facciamo la seconda metà della discesa divertendocicome matti! Una volta alla macchina usciamo dal parcheggio senza troppe difficoltà e ci avviamo verso casa (passando dalla val camonica, visto che non ha mai smesso di nevicare!).

Finisco in 63esima posizione assoluta con il tempo di 57'52" e in 37esima posizione di categoria. SODDISFATTO E CONTENTO!!

Guarda il tracciato su Garmin Connect